La casa da gioco o casinò è un luogo riservato al gioco d’azzardo, in Italia vietato negli altri luoghi pubblici. Nei giochi praticati nel casinò il banco, ovvero lo stesso casinò, è sempre favorito: direttamente quando le possibilità di vincita del banco sono superiori a quelle dei giocatori (come nella roulette) o indirettamente quando il banco gestisce il gioco tra due giocatori prelevando poi una quota dalle vincite. Una sostanziosa fonte d’entrata dei casinò è costituita dalla mance concesse ai croupier, gli addetti a condurre i giochi.
Un antenato storico dei casinò è dato dalle baratterie medioevali. Nelle baratterie era concesso praticare i giochi d’azzardo che erano invece vietati nelle piazze e soprattutto nelle vicinanze delle chiese.
I più famosi casinò sono quelli di Las Vegas, Venezia e Monte Carlo.
In deroga al codice penale, che in realtà su tale fronte ha una legislazione molto lacunosa, in Italia esistono quattro casinò autorizzati situati a Campione d’Italia (Casinò di Campione), Saint-Vincent (Casino de la Vallée), Sanremo (Casinò di Sanremo), Venezia (Casinò di Venezia).
Altri paesi hanno leggi più permissive e molti italiani amanti del gioco d’azzardo frequentano casinò oltrefrontiera: in Slovenia sono presenti più di 10 case da gioco e Nova Gorica è stata soprannominata “Piccola Las Vegas”.
Tra le città che all’estero sono famose per i propri casinò ci sono Monte Carlo, Las Vegas, Atlantic Cini sono: Roulette francese, Trente et quarante, Chemin de fer, Boule, Baccarat. Negli anni ottanta sono stati introdotti i gty, Reno e Macao.
Giochi tradizionali in uso nei casinò italiaiochi americani: Roulette americana, Poker e Slot machine.
La crescente diffusione di internet e dei mezzi di pagamento elettronici ha favorito lo sviluppo di casinò online. E’ un mercato in forte crescita tanto che nella Legge 266/2005 artt. 535-536 è inserita una norma per bloccare agli utenti italiani i casinò online.