Il Black Jack  è un gioco d’azzardo di carte (usa carte francesi) che si svolge tra il banco, rappresentato dal casinò, e i giocatori. Vincono i giocatori che realizzano un punteggio più alto del banco e non superiore a 21.
Il gioco è nato in Francia nel XVII secolo, con il nome di Vingt-et-un (ossia “ventuno”). Una volta approdato negli Stati Uniti il gioco del ventuno venne denominato Black Jack (fante nero) con l’introduzione di una variante: qualora il giocatore facesse 21 con un asso e un jack di picche, veniva pagato con un bonus di dieci volte la posta. Il bonus è stato poi abolito.
Una volta che i giocatori hanno fatto la loro puntata, il banchiere procedendo da sinistra verso destra assegna a ciascuno dei giocatori una carta scoperta in ogni postazione giocata, assegnando l’ultima al banco. Effettua poi un secondo giro di carte scoperte, senza però attribuirne una a se stesso. Avvenuta la distribuzione  il mazziere legge in ordine il punteggio di ciascun giocatore invitandoli a manifestare il loro gioco: essi potranno chiedere carta o stare, a loro discrezione. Se un giocatore supera il 21 risulta perdente e il mazziere incasserà la puntata. Una volta che i giocatori hanno definito i loro punteggi il mazziere sviluppa il suo gioco seguendo la “regola del banco”: egli deve tirare carta con un punteggio inferiore o uguale a 16. Una volta superato il 16 si deve fermare. Se oltrepassa il 21 il banco “sballa” e deve pagare tutte le puntate rimaste sul tavolo. Una volta definiti tutti i punteggi, il mazziere confronta il proprio con quello degli altri giocatori, paga le combinazioni superiori alla sua, ritira quelle inferiori e lascia quelle in parità. Il pagamento delle puntate vincenti è alla pari.
Esistono anche alcune versioni per essere giocate tra tutti giocatori, in cui la parte del mazziere viene alternata.